Ossigeno Ozono Terapia e osteoporosi: caso clinico

S. Rocco Poliambulatori > Casi clinici > Ossigeno Ozono Terapia e osteoporosi: caso clinico

Ossigeno Ozono Terapia e osteoporosi: caso clinico

Paziente di 74 anni, uomo, che si presenta alla nostra osservazione nel mese di ottobre 2012, per un importante dolore lungo il rachide dorsale e lombare, a causa di numerosi crolli dovuti all’osteoporosi. La MOC DEXA più recente (23 luglio 2012) mostra punteggi T-score: -3,3 e Z-score: -1,2 a livello lombare. Il Paziente assume quotidianamente derivati della morfina, per tenere a bada il dolore. In anamnesi si evidenzia un intervento nel 2004 per un carcinoma del colon. I successivi follow up sono sempre stati negativi. Il paziente assume inoltre terapia anti ipertensiva e statine.

Esame obiettivo
Dolore alla digitopressione sulle spinose dorsali e lombari. Notevole difficoltà a deambulare e a mantenere la posizione eretta. Episodi di dolore anche durante il sonno.

Esami strumentali
Le RMN mostrano evidenti diminuzioni degli spazi intersomatici e diminuita qualità del tessuto osseo (figura).

Diagnosi
Crolli vertebrali multipli da osteoporosi

Trattamento
Si esegue terapia locale con iniezioni a 2 cm dagli spazi interspinosi, bilateralmente. Si eseguono iniezioni dal livello D2-D3 a L5-S1. Concentrazione: 16 gamma. Dose: 1-2 cc per iniezione.

Il Paziente riferisce miglioramento importante dello stato doloroso e della capacità di deambulare. Le RMN di controllo, eseguite a distanza di 6 e 12 mesi dall’inizio della cura, mostrano un mantenimento della situazione, senza peggioramenti. Il paziente non ha più eseguito MOC DEXA di controllo. Il beneficio raggiunto permane con una seduta locale ogni 30 giorni.