Ossigeno Ozono Terapia

Raggiungere dei traguardi è lo scopo dell’uomo, e riuscire a farlo quando gli ostacoli sono tanti è il massimo dell’orgoglio e della soddisfazione. Venti anni fa ho conosciuto la terapia con Ozono, che mi ha subito affascinato: mi poteva dare la possibilità di curare i miei Pazienti con un approccio non aggressivo, senza dover ricorrere a trattamenti invasivi e farmacologici.

I risultati non hanno tardato ad arrivare. Giustamente, oggi il Paziente cerca sempre maggiori sicurezze, vuole che si ottengano risultati senza effetti collaterali né complicazioni, desidera ”guarire” senza farsi operare e che i risultati ottenuti siano stabili nel tempo.

L’Ozono soddisfa tutte queste richieste, poiché si contraddistingue garantendo l’innocuità e la sicurezza, l’assenza di effetti collaterali e di controindicazioni assolute.

Sempre più Pazienti quindi si rivolgono a noi ozonoterapeuti per il trattamento di patologie considerate dalla medicina convenzionale ormai ”non responder” o in situazioni in cui medicina o la chirurgia non sono state risolutive, o addirittura hanno prodotto danni.

Come per tutte le terapie mediche, anche per l’Ozono occorrono la conoscenza e l’esperienza per poter sfruttare appieno le molteplici caratteristiche terapeutiche di questo gas, miscuglio instabile, impalpabile, invisibile.

Il suo effetto terapeutico è efficace e duraturo, poiché agisce inducendo delle modificazioni controllate sulle cellule e sui tessuti trattati: è uno “starter”, non si sostituisce a qualcosa che manca, ma attiva i processi riparativi dei tessuti, migliorandone la funzione, fino alla possibile normalizzazione.

Una volta somministrato, l’Ozono si consuma in pochi secondi, ma la sua azione dura nel tempo: dopo aver innescato un processo di modificazione, esso prosegue autonomamente, modificando positivamente e permanentemente il sistema sul quale ha agito.

Occorre però saper modulare la quantità e la concentrazione e saper utilizzare appropriatamente le diverse vie di somministrazione dell’Ozono: in questo modo gli effetti sono molteplici e il trattamento è applicabile in numerosi stati patologici.

Al fine di uniformare l’utilizzo della terapia e di garantirne la sicurezza, sono state redatte e pubblicate le Linee Guida approvate dalla Federazione Italiana di Ossigeno ozono e depositate presso il Ministero della Salute.

E’ fondamentale l’approccio con il Paziente: una valutazione approfondita è necessaria per una diagnosi certa.

Durante la visita, è importante la comprensione delle cause sottostanti lo stato patologico: per questo motivo, la terapia con l’Ozono si discosta dalla terapia classica, poiché mira all’eliminazione delle cause che producono il problema e quindi dei sintomi che molto spesso recedono, fino alla loro scomparsa e al raggiungimento di uno stato di benessere duraturo.

Dott. Gabriele Tabaracci